Giuseppe Genta  giornalista  in viaggio...               

 

 

 
 Good Morning ... America !!!

Barack Hussein Obama II nato a Honolulu il 4 agosto 1961, cinque mesi dopo aver ottenuto il quorum per la sua nomination e dopo aver ottenuto l'investitura ufficiale del Partito Democratico durante la convention di Denver del 28 agosto, diventa il 44° Presidente degli Stati Uniti d'America, il primo a non avere la pelle bianca.
E non poteva che finire in questo modo la sfida tra il senatore junior dell'Illinois ed il veterano McCain, anche perchè essendo stato il 2008 un anno di clamorosi stravolgimenti per l'America, soprattutto sul piano economico, quale poteva essere il giusto coronamento di un anno che entrerà nella storia non solo dell'America, se non un ulteriore stravolgimento a livello epocale, un nero che diventa l'uomo più potente del mondo.
L'unico senatore non bianco ( attualmente ) nato negli Stati Uniti da padre nero del Kenya e da madre bianca del Kansas, viene da molti considerato, usando un'accezione discutibile del termine (poichè solo uno dei due genitori è di colore), afroamericano.
E' salito per la prima volta alla ribalta delle cronaca nazionale durante la convention democratica del 2004, della quale ha pronunciato il discorso introduttivo,poi quando il 10 febbraio 2007 ha annunciato ufficialmente la sua candidatura per le elezioni presidenziali del 2008, in molti hanno capito che non stava scherzando ma anzi stava facendo " terribilmente sul serio ".
Dopo un lungo testa a testa ha battuto a sorpresa l'ex first lady e senatrice dello stato di New York Hillary Clinton (ritenuta dai sondaggi la grande favorita della vigilia) alle elezioni primarie del Partito Democratico.
La sua elezione diventa un evento di natura spropositata se solo si pensa all'impatto e alle ripercussioni che si avranno nel mondo intero; una cosa è certa Obama si sa presentare bene, è giovane, ha dalla sua il popolo nero e a quanto sembra non solo quello, ma per dirla alla Hegel " si è gettato in acqua, ma ora deve dimostrare non solo a se stesso ma al mondo intero di saper nuotare ".

Avremo modo e tempo di vederlo lavorare, prima di giudicare il suo operato.


Doubleg




  il pensierino della sera                       


 

viaggiamonline