Giuseppe Genta  giornalista  in viaggio...               

 

 

 
 E' l'osteoporosi la nemica della Bond-girl Ursula Andress!
 

 
Ursula Andress la famosa attrice Svizzera nota al grande pubblico per essere stata la prima bond-girl del grande schermo, nel film del 1962 Agente 007 - Licenza di uccidere (Dr. No) diretto da Terence Young, pellicola che l'ha consacrata come un modello femminile a metà strada tra la cover girl e la donna capace di sprigionare una aggressività erotica tale da non passare inosservata, ha annunciato di essere affetta da osteoporosi e per questo è stata arruolata dall'International Osteoporosis Foundation per lanciare un messaggio ai malati ( che sono oltre 200 milioni tra donne e uomini nel mondo ) in occasione della giornata mondiale dell'osteoporosi che sarà in tutto il mondo il 20 ottobre.
Fa un certo effetto sentire la protagonista dell'indimenticabile scena in cui esce dal mare con il suo bikini bianco, parlare della sua convivenza con la malattia che le è stata diagnosticata otto anni fa durante un normale controllo di routine.
L'attrice rammenta come la malattia sia subdola, il paziente vive la vita di tutti i giorni in completa spensieratezza, senza avvertire particolari dolori, ma le sue ossa a poco a poco si indeboliscono.
E' una malattia che colpisce indistintamente uomini e donne, anche se quest'ultime a causa della riduzione degli estrogeni nel post menopausa sono più vulnerabili, tanto da esserne colpite una su tre in Europa.
Ovviamente a sentire i medici alla base della prevenzione vi sono un corretto stile di vita e quindi niente fumo, una discreta attività fisica ed una alimentazione che contempli latte, formaggi, yogurt in modo da avere sin da bambino un buon patrimonio osseo; patrimonio che va foraggiato anche da adulti perchè il nostro organismo il calcio che non introduciamo con gli alimenti se lo prende dalle ossa.
Certo che a maggior ragione vedendo il film della vita di Ursula, fatta di attività, sport, diete equilibrate e quant'altro dia la sensazione del benessere, diventa difficile pensare che possa non toccare anche a noi, un giorno, il convivere con questa malattia.
E allora ... poichè è meglio prevenire che reprimere .. mettiamo in programma al prossimo ceck-up anche l'analisi che misura la densità ossea, si chiama MOC ed in Italia, magari non rapidissimamente la si può fare quasi ovunque.
Andrà senz'altro tutto bene, ma nel malaugurato caso che la malattia si manifestasse, non fasciamoci la testa prima di averla rotta, la sperimentazione in questi ultimi anni ha fatto passi da gigante ed il tutto si riduce nei casi più lievi nel prendere con continuità una pillolina al giorno.
Vedere la Andress nelle foto di oggi e ossevarla mentre esce fulgida e splendente dall'acqua negli anni '60 ... fa un certo effetto ... e ci porta a ragionare su quella che è la parabola della vita... però la vita è fatta di stagioni e ogni stagione va vissuta a modo suo... per cui anche la vecchiaia non è detto che la si possa vivere con la dovutà serenità.. l'importante è prepararsi a viverla nel migliore dei modi... ed il curarsi nei tempi e nei modi giusti non potrà che allungarci la vita... parola è il caso di dirlo di James Bond ... però questa volta senza licenza di uccidere.

Doubleg





 
 
  il pensierino della sera                       


 

viaggiamonline